Attivazione delle procedure previste dalla sentenza della corte costituzionale n. 242/2019 in tema di morte medicalmente assistita

Apr 14, 2022 | Comunicati, Consiglio provinciale, News, Paolo Zanella, Visioni

Ho depositato una proposta di mozione, sottoscritta anche dal collega Alex Marini e dalle consigliere Sara Ferrari e Lucia Coppola – che come il sottoscritto si sono impegnati/e nella raccolta firme per il referendum sul fine vita proposto dall’Associazione Luca Coscioni, poi giudicato inammissibile dalla Corte Costituzionale – che impegna la Giunta a:

predisporre le procedure indicate dalla Corte costituzionale, con canali immediati di attivazione dei Comitati etici e di tutti i soggetti coinvolti, affinché si riconosca e si attui un diritto costituzionale acclarato dalla sentenza n. 242/2019 della Consulta;

attivarsi presso ogni altra sede istituzionale per sostenere una legge sul fine vita completa e non discriminatoria, che vada, come richiesto anche dalla Consulta attraverso le sue pronunce in materia, a completare il quadro legislativo supplito solo in parte dalla sentenza della Corte costituzionale.

Il ddl unificato “Disposizioni in materia di morte volontaria medicalmente assistita” che è stato approvato alla Camera dei deputati e che proseguirà ora l’iter al Senato rischia di rappresentare un arretramento nei diritti sul fine vita rispetto alla sentenza della Corte Costituzionale perché aumenta i criteri fissati dalla stessa per poter accedere al suicidio medicalemnte assistito. Ecco perchè è urgente dare concreta attuazione a quanto statuito dalla Corte Costituzionale e pertanto è necessario che le strutture territoriali con il Comitato etico locale si adoperino affinché ai soggetti in grado di autodeterminarsi, che versano in situazioni caratterizzate da patologie irreversibili, tenute in vita da trattamenti di sostegno vitali, laddove le cure palliative non sono ritenute dal soggetto sufficienti per alleviare la propria sofferenza, sia data la possibilità di accedere, nel pieno rispetto di quanto sancito dalla Corte costituzionale, a procedure per il suicidio medicalmente assistito.

Il testo della proposta di mozione è in allegato.

Paolo Zanella
Consigliere provinciale FUTURA

Testo della mozione

ARTICOLI RECENTI

Una manovra provinciale che non risponde alle crisi

Una manovra provinciale che non risponde alle crisi

La Giunta Fugatti propone una manovra incapace di rispondere all’emergenza socio-economica in atto e ancora una volta priva della benché minima ambizione di governare le sfide del mondo d’oggi: la conversione ecologica, la transizione demografica e la necessaria...

leggi tutto

COMUNICATI

Archivio mensile

Teniamoci in contatto!

  1. Comunicati
  2.  » Attivazione delle procedure previste dalla sentenza della corte costituzionale n. 242/2019 in tema di morte medicalmente assistita