Trasporto urbano della città di Trento: perché non sono state ripristinate le corse serali e festive?

Giu 12, 2021 | Ambiente e sviluppo sostenibile, Consiglio provinciale, Cultura, creatività e innovazione, Interrogazioni, La voce di Futura, News, Paolo Zanella, Partecipazione e comunità

Futura presenta un’interrogazione in Consiglio provinciale: 

Premesso che:

da aprile 2020 l’orario del TPL gestito da Trentino Trasporti ha previsto la riduzione delle corse festive e l’eliminazione di quelle serali dopo le ore 21, in particolare per quanto riguarda il trasporto urbano della città di Trento;

tale riorganizzazione è stata motivata soprattutto da due ordini di ragioni:

  • la necessità di recuperare un cospicuo numero di turni di autisti per guidare un maggiore numero di mezzi negli orari di punta, in particolare di ingresso e uscita dalle scuole, per garantire un coefficiente di riempimento di molto inferiore al pieno carico e che è variato più volte in questi tredici mesi;
  • il coprifuoco serale – anche questo più volte modulato nell’orario di entrata in vigore – che ha ridotto di gran lunga gli spostamenti serali non motivati da necessità lavorative e sanitarie;

il TPL così ridotto, in questi mesi è stato sostituito dal servizio su prenotazione Elastibus, che ha garantito i trasporti nelle fasce non coperte dal trasporto urbano per lavoratori e lavoratrici e per ragioni sanitarie;

con il coprifuoco spostato alle ore 24 e che a brevissimo sarà rimosso e con la chiusura delle scuole – quindi con il venir meno della necessità di potenziare il servizio urbano nelle fasce di ingresso e uscita da scuola – ci si attendeva che il servizio serale e festivo fosse potenziato ai livelli pre-pandemia;

gli orari estivi del trasporto urbano della città di Trento, in vigore dal 11 giugno 2021, invece, non prevedono corse dopo le ore 21 e le corse festive restano diradate;

il servizio sperimentale di sharing di monopattini del Comune di Trento prevede la disattivazione dei mezzi alle ore 22 e quindi, dopo quell’ora, non rappresenta una soluzione nemmeno per gli spostamenti lungo il fondovalle cittadino;

nell’autunno 2020 anche una petizione popolare su Change.org indirizzata al Presidente della Provincia e al Sindaco di Trento ha chiesto il ripristino delle corse serali e festive soppresse (http://www.change.org/p/maurizio-fugatti-richiesta-ripristino-autobus-urbani-in-orario-serale), petizione che ad oggi ha raggiunto le 1750 firme e alla quale non è mai stata data risposta;

il TPL ha un valore sociale rilevante per garantire la libertà di movimento, in particolare per quella fascia di popolazione che non ha alternative per spostarsi pur dovendo lavorare, studiare o cercare occasioni di aggregazione nel capoluogo, specie ora che il coprifuoco verrà tolto; ragioni economiche non possono giustificare il mancato ripristino delle corse, in quanto da diversi anni, pur consapevoli che le corse serali non sono certo affollate e rappresentano quindi un costo importante, si era comunque deciso di offrire questo servizio alla cittadinanza.

Tutto ciò premesso

SI INTERROGA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA PER SAPERE

1. perché con il passaggio all’orario estivo non siano state ripristinate le corse serali e festive del TPL urbano della città di Trento, con orario come quello antecedente la pandemia;

2. se non si ritenga opportuno – oltre che doveroso – riattivare le corse serali e festive con gli orari estivi pre-pandemia per offrire un servizio pubblico alla cittadinanza e ai turisti del capoluogo.

PAOLO ZANELLA
Gruppo consiliare FUTURA

Interrogazione

ARTICOLI RECENTI

COMUNICATI

Archivio mensile

Teniamoci in contatto!

  1. Cosa facciamo
  2.  » 
  3. Ambiente e sviluppo sostenibile
  4.  » Trasporto urbano della città di Trento: perché non sono state ripristinate le corse serali e festive?