Ospedale di cavalese – prima di ragionare su dove collocarlo e come costruirlo, si stabiliscano gli obiettivi all’interno della riorganizzazione sanitaria

Mag 19, 2021 | Ambiente e sviluppo sostenibile, La voce di Futura, Luoghi futuribili, News, Paolo Zanella, Salute per tutti/e

Si sta discutendo molto del nuovo ospedale di Cavalese, ma la prospettiva dalla quale lo si sta facendo è, a mio avviso, assolutamente distorta. Vero che l’inaspettata (almeno per l’opposizione…) presentazione di un progetto per una nuova edificazione a Masi di Cavalese da parte della cordata capeggiata dalla Mak costruzioni S.r.l. risulta non proprio lineare, visto che era già in piedi un progetto di recupero dell’ospedale esistente e che comunque il PUP non prevede lo spostamento del nosocomio. Verissimo anche che costruire un nuovo presidio ospedaliero con tutte le infrastrutture necessarie, invece di riqualificare quello esistente, andrebbe a determinare un importante consumo di suolo, in contrasto con i principi di sostenibilità ambientale e con la normativa provinciale in materia di urbanistica.

Il problema, però, è che si sta discutendo su dove fare l’ospedale, su come finanziarne la costruzione, sui possibili intrecci della Mak con l’assessora Segnana, sulla necessità di accelerare in vista delle Olimpiadi, quando manca completamente il ragionamento sul ruolo di questo ospedale nella rete dei servizi sanitari provinciali del futuro, ragionamento che dovrebbe stare a monte di tutte le decisioni. Come ha potuto la cordata di project financing con a capo la Mak proporre un progetto di ospedale senza che la Provincia abbia messo in campo un pensiero chiaro sulla funzione degli ospedali di valle nell’economia complessiva del sistema sanitario provinciale e della rete ospedaliera, su come si dovranno integrare con il nuovo – speriamo potenziato – servizio territoriale e quindi su quali servizi l’ospedale debba garantire. È appena stato presentato il general generico Programma di sviluppo strategico di APSS, ma nessuno ha ancora capito come la Giunta voglia implementare l’ “ospedale policentrico”, modello al quale anche il futuro ospedale delle valli di Fiemme, Fassa e Cembra dovrà conformarsi. Nessuno ha capito se questo “ospedale policentrico” sia un’operazione di maquillage elettoralistico, dove il potenziamento dell’ortopedia verrà venduto come la specializzazione di quel presidio, o se si pensa davvero e in modo del tutto inappropriato di portare a Cavalese alcune alte specialità.
Al di là di come la si pensi, se abbia più senso in valle un ospedale di comunità ben integrato con il territorio, modulare, potenziato con un’area di cure intermedie e con gli ambulatori specialistici per gestire la cronicità in loco, oppure un ospedale iperspecialistico e di conseguenza insostenibile, ciò che è necessario fare prima di approvare e realizzare un progetto di questa entità è avere chiaro l’obiettivo, definendo le funzioni del presidio ospedaliero e di conseguenza cosa metterci dentro. Ragionare partendo dal progetto della struttura invece che da un’idea chiara del modello sanitario è del tutto insensato. Anche l’auspicato confronto con i territori dovrebbe partire da questo.

Paolo Zanella
Consigliere provinciale del Trentino
e regionale Trentino-Alto Adige/Südtirol
FUTURA 2018

Image credits - Google maps

ARTICOLI RECENTI

Valdastico: Korichi, “la Vallagarina non è in vendita, ribadiamo il nostro no ad un progetto anacronistico e dannoso”

Valdastico: Korichi, “la Vallagarina non è in vendita, ribadiamo il nostro no ad un progetto anacronistico e dannoso”

Comunicato stampa Futura Rovereto ribadisce la sua totale contrarietà al progetto “Valdastico”. Un progetto anacronistico e dannoso per il nostro territorio.Fugatti continua ad essere il vassallo di Zaia ed è sempre più disposto a sacrificare parte del suo territorio...

leggi tutto
Approvata dal consiglio provinciale la proposta di risoluzione sulla sicurezza sul lavoro nel cantiere Loppio-Busa

Approvata dal consiglio provinciale la proposta di risoluzione sulla sicurezza sul lavoro nel cantiere Loppio-Busa

Esprimo soddisfazione per l’approvazione da parte del Consiglio provinciale della proposta di risoluzione a prima firma di FUTURA che tratta della sicurezza sul lavoro nei cantieri pubblici e in particolare al cantiere Loppio Busa di cui ci siamo occupati qualche...

leggi tutto
FUTURA presenta un’interrogazione su fitofarmaci per la “Flavescenza dorata” e i rischi per le api

FUTURA presenta un’interrogazione su fitofarmaci per la “Flavescenza dorata” e i rischi per le api

Interrogazione a risposta scritta Fitofarmaci per la “Flavescenza dorata” e rischi per le api Premesso che: la Flavescenza dorata (FD) è una malattia della vite comparsa in Italia verso la fine degli anni ‘90 e soggetta a lotta obbligatoria (Decreto Ministeriale del...

leggi tutto

COMUNICATI

Archivio mensile

Teniamoci in contatto!

  1. Cosa facciamo
  2.  » 
  3. Ambiente e sviluppo sostenibile
  4.  » Ospedale di cavalese – prima di ragionare su dove collocarlo e come costruirlo, si stabiliscano gli obiettivi all’interno della riorganizzazione sanitaria