Perché abbiamo sempre (più) bisogno del 17 maggio

Mag 14, 2021 | Futura Alto Garda, La voce di Futura, Lavoro, sviluppo e dignità, Nessuno resti indietro, News, Visioni

Il 17 maggio si celebra la giornata internazionale contro l’omobitransfobia, data in cui, nel 1990, l’Oms eliminava l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali.

Vi è ancora la necessità di celebrare il 17 maggio: la Rainbow Map pubblicata da ILGA-Europe nel 2020 ce lo conferma, mostrando un’Italia alla guida degli ultimi paesi europei per quanto riguarda la tutela e il riconoscimento dei diritti Lgbt+.

Durante l’emergenza Covid-19, inoltre, la Gay Help Line ha riportato dati allarmanti: quasi il 40% delle persone Lgbt+ è stata oggetto di violenze e discriminazioni in famiglia, un individuo su cinque ha subito gravi problemi di accettazione e supporto da parte delle persone con cui vive, evidenziando che le percentuali si alzano se il campione riguarda gli adolescenti e le persone transgender, arrivando al 50%. Sempre nello stesso anno, il report dell’FRA riferisce che il 60% delle coppie Lgbt+ non si tiene per mano pubblicamente, mentre almeno il 43% di queste ha subito forme di discriminazione.

Dati alla mano, quindi, in Italia risulta più che mai necessaria una legge che tuteli le persone Lgbt+ da violenze fisiche, verbali e da ogni altro tipo di discriminazione. Sono questi infatti gli obiettivi che si prefigge il disegno di legge promosso dall’on. Zan in materia di prevenzione e contrasto alla discriminazione e alla violenza per motivi fondati su orientamento sessuale, identità di genere e disabilità; lo stesso ddl propone inoltre di istituire una Giornata Nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia proprio il 17 maggio, al fine di promuovere la cultura del rispetto.

Per la necessità di una società realmente inclusiva Futura Alto Garda e Ledro sostiene l’approvazione del Ddl Zan e crede nell’importanza del 17 Maggio.

Lucrezia Michelotti
Futura Alto Garda e Ledro

ARTICOLI RECENTI

Valdastico: Korichi, “la Vallagarina non è in vendita, ribadiamo il nostro no ad un progetto anacronistico e dannoso”

Valdastico: Korichi, “la Vallagarina non è in vendita, ribadiamo il nostro no ad un progetto anacronistico e dannoso”

Comunicato stampa Futura Rovereto ribadisce la sua totale contrarietà al progetto “Valdastico”. Un progetto anacronistico e dannoso per il nostro territorio.Fugatti continua ad essere il vassallo di Zaia ed è sempre più disposto a sacrificare parte del suo territorio...

leggi tutto
Approvata dal consiglio provinciale la proposta di risoluzione sulla sicurezza sul lavoro nel cantiere Loppio-Busa

Approvata dal consiglio provinciale la proposta di risoluzione sulla sicurezza sul lavoro nel cantiere Loppio-Busa

Esprimo soddisfazione per l’approvazione da parte del Consiglio provinciale della proposta di risoluzione a prima firma di FUTURA che tratta della sicurezza sul lavoro nei cantieri pubblici e in particolare al cantiere Loppio Busa di cui ci siamo occupati qualche...

leggi tutto
FUTURA presenta un’interrogazione su fitofarmaci per la “Flavescenza dorata” e i rischi per le api

FUTURA presenta un’interrogazione su fitofarmaci per la “Flavescenza dorata” e i rischi per le api

Interrogazione a risposta scritta Fitofarmaci per la “Flavescenza dorata” e rischi per le api Premesso che: la Flavescenza dorata (FD) è una malattia della vite comparsa in Italia verso la fine degli anni ‘90 e soggetta a lotta obbligatoria (Decreto Ministeriale del...

leggi tutto

COMUNICATI

Archivio mensile

Teniamoci in contatto!

  1. Luoghi di Futura
  2.  » 
  3. Futura Alto Garda
  4.  » Perché abbiamo sempre (più) bisogno del 17 maggio