AVANTI COSì SENZA GOVERNARE LA NAVE E IL SISTEMA SANITARIO PUBBLICO AFFONDA

Gen 19, 2023 | Comunicati-stampa, News, Paolo Zanella

Nella sanità trentina la mancanza di visione e di capacità programmatoria della Giunta provinciale sta minando seriamente la tenuta del sistema sanitario pubblico. 

Tempi di attesa per le visite, anche urgenti, che permangono biblici, salvo che si vada in libera professione o privatamente. Professionisti che continuano ad abbandonare la sanità pubblica – non solo per i carichi di lavoro e le retribuzioni, ma anche per il clima organizzativo – per fuggire nel privato o per rientrare nel pubblico a gettone, con evidente aumento di costi per la Provincia. La mancanza di posti letto: nel solo S.Chiara vi sono picchi mai visti (fino a 50) di pazienti internistici e geriatrici sovrannumerari appoggiati in altri reparti.

D’altronde questo è l’esito dell’aver chiuso 27 posti letto di geriatria a Rovereto, scelta miope visto il trend demografico. Pensare che c’è chi pensa al rispetto della divisione di uomini e donne nelle stanze, invece di occuparsi del fatto che le stanze non ci sono. E ancora i punti nascite periferici, che la Giunta vuole tenere aperti a tutti i costi, anche a fronte di pochissimi parti/anno, cosa che oltre a minare la sicurezza di partoriente e neonato/a, ha dei costi esorbitanti, legati ora anche alla mancanza di ginecologi stabili e alla necessità di ricorrere a gettonisti.

E poi le case della comunità che stanno per essere edificate, ma senza che vi sia alcuna pianificazione dei servizi e delle dotazioni organiche necessarie, e che quindi rischiano di restare scatole vuote. E la scarsa attenzione alla formazione dei futuri professionisti: solo ora, dopo oltre due anni che lo chiedo, si sta cercando una soluzione per la grave carenza di spazi per il Polo delle professioni sanitarie. Infine la pianificazione degli ospedali dove da una parte – a Cavalese – si dà spazio agli interessi privati e dall’altra – a Trento – si nomina un commissario prima di aver definito il ruolo che il Polo sanitario e universitario del Trentino dovrà avere nel futuro SSP, nel sistema ospedaliero e nei suoi rapporti col territorio e con l’Università: si pensa di farlo o si pensa che edificare un ospedale sia una mera questione amministrativa ed edilizia?!

Un sistema sanitario provinciale, insomma, che somiglia sempre più a una nave senza capitano che imbarca acqua da molteplici falle, mentre i poveri marinai con il secchio cercano di ributtarla a mare per non affondare. Se si attende ancora un po’ a prendere in mano il timone e a tappare le falle, molti prenderanno la scialuppa di salvataggio per salvarsi, mentre altri purtroppo affonderanno. Tra questi ultimi rischiano di esserci le persone più fragili della nostra società, quelle che la sanità a pagamento proprio non possono permettersela. Proprio per questo è ora di far scendere dalla nave la Giunta che (non) governa la nostra Provincia e di riprenderci il timone per ridefinire la rotta.

 

PAOLO ZANELLA

Consigliere provinciale del Trentino – Futura 

ARTICOLI RECENTI

COMUNICATI

Archivio mensile

Teniamoci in contatto!

  1. Comunicati
  2.  » 
  3. Comunicati-stampa
  4.  » AVANTI COSì SENZA GOVERNARE LA NAVE E IL SISTEMA SANITARIO PUBBLICO AFFONDA