La riforma istituzionale di Gottardi: un ritocco che fa male ai comuni

Mar 14, 2022 | Comuni, Comunicati, Consiglio provinciale, La voce di Futura, News, Paolo Zanella, Partecipazione e comunità, Visioni

Il commissariamento delle Comunità di valle pareva essere il preambolo al loro smantellamento. In realtà, alla luce della riforma partorita dall’assessore Gottardi, ora sappiamo che sono state tenute in standby senza alcun motivo, visto che adesso, sotto altra forma, vengono ripristinate.

Futura ha espresso più volte la propria contrarietà in merito al commissariamento delle Comunità di valle perché ritenute enti sovracomunali centrali nel supportare e coordinare il difficile lavoro dei Comuni in ambiti strategici. Nell’attesa che l’assessore portasse avanti questa gestazione biennale, il commissariamento non ha certo fatto bene alle Comunità di valle e ai Comuni in difficoltà da due anni causa CoViD, alle prese coi bandi del PNRR da portare avanti e con tutti i servizi sociali da affidare da parte senza assessore delle Comunità referente alle politiche sociali.

Sulle competenze che avranno in capo le Comunità di valle nulla è trapelato e non si sa se la Provincia cederà più competenze e se le Comunità accentreranno alcuni servizi comunali, come sarebbe opportuno, ad esempio gli appalti, che lo scarso personale dei comuni non è in grado di continuare a portare avanti.

Si sa però che il/la Presidente sarà un /una Sindaco/a, cosa insostenibile col carico di lavoro oggi in capo agli amministratori locali e che creerà conflittualità tra i Comuni. Si sa anche che il/la Presidente non avrà più un/una segretario/a generale, ma nominerà un/una manager di fiducia, col rischio di mettere la Comunità nelle mani dell’amico/a, inadatto a portare avanti una macchina amministrativa complessa, delicata e strategica quale quella delle Comunità.

Dai primi commenti trapelati dal CAL si evince che non ci sia stato un reale processo partecipativo (cosa ha fatto in questi tre anni l’assessore Gottardi?!) e un preventivo e quanto mai necessario confronto con l’ente che rappresenta le amministrazioni del nostro territorio e questo è sentore di un approccio ideologico al tema che sta alla base della riforma.

Il mantra pare sia quello di “tornare alla centralità dei comuni”. Mai come oggi ci accorgiamo di quanto le parole siano lontane dai fatti. Questa “riforma” appesantisce ulteriormente i Comuni, già in difficoltà per la grave carenza di personale, mentre oggi sarebbe indispensabile facilitare una collaborazione tra Comuni e Comunità che migliori i servizi e le risposte ai cittadini e alle cittadine.

Il Trentino, i suoi amministratori e le sue amministratrici meritano un’attenzione e una visione diversa.

PAOLO ZANELLA
Consigliere provinciale FUTURA

ARTICOLI RECENTI

Il Progettone rimanga a tutela dei lavoratori più deboli

Il Progettone rimanga a tutela dei lavoratori più deboli

Venerdì si discuterà in Seconda commissione del Consiglio Provinciale il ddl della Giunta che riforma del Progettone. Per scongiurare il rischio che questa proposta di legge (che nasce in primis per adeguare l'affidamento degli interventi di inclusione lavorativa del...

leggi tutto
Movida in centro, Bolzano e Trento si incontrano

Movida in centro, Bolzano e Trento si incontrano

Il consigliere comunale Matthias Cologna ha recentemente incontrato - con esponenti del Team Future e Volt - la consigliera comunale di Trento Giulia Casonato, cui la Giunta ha affidato la “delega in materia di costruzione di una vivibilità urbana e di una socialità...

leggi tutto
Non c’è pace per il carcere di Trento: si è dimessa la responsabile della medicina carceraria

Non c’è pace per il carcere di Trento: si è dimessa la responsabile della medicina carceraria

Alla Casa circondariale di Spini di Gardolo, oltre a mancare Direttore/Direttrice dedicato/a (l'attuale è a scavalco su Bolzano), agenti di Polizia penitenziaria (manca oltre il 30% dell'organico rispetto al numero previsto all'apertura dell'istituto penitenziario -...

leggi tutto
Pompaggio di acqua per l’innevamento artificiale delle piste: davvero lo si ritiene ancora un modello sostenibile?

Pompaggio di acqua per l’innevamento artificiale delle piste: davvero lo si ritiene ancora un modello sostenibile?

Premesso che: la delibera di giunta n. 625 del 14 aprile 2022 ha stabilito di rilasciare al Sindaco del Comune di Predazzo, sulla base della deliberazione della Giunta esecutiva del Parco naturale Paneveggio Pale di San Martino n. 7 di data 25 gennaio 2022,...

leggi tutto

COMUNICATI

Archivio mensile

Teniamoci in contatto!

  1. Luoghi di Futura
  2.  » 
  3. Comuni
  4.  » La riforma istituzionale di Gottardi: un ritocco che fa male ai comuni