Case della Comunità: una Giunta schizofrenica senza visione

Feb 22, 2022 | Consiglio provinciale, Interrogazioni, La voce di Futura, News, Paolo Zanella, Salute per tutti/e

Futura presenta un’interrogazione in Consiglio provinciale: 

Con il PNRR il Paese si è impegnato a potenziare e riorganizzare le cure territoriali, per dare risposte di prossimità a una popolazione che invecchia e che sempre più è affetta da comorbidità e disabilità. Peccato che nella proposta dell’APSS di riorganizzazione della sanità trentina, ancora non si è ben capito che ruolo occuperanno queste Case della Comunità.

Saranno il punto privilegiato di accesso di cittadini e cittadine anche in Trentino? Quante ne serviranno per rispondere ai bisogni di salute del territorio? Dislocate dove? A che tipo di bisogni dovranno rispondere e quindi quali professionalità saranno necessarie? A tutte queste domande finora non sono pervenute risposte.

Le Case della Comunità paiono un corpo alieno dentro la riorganizzazione sanitaria. “Da Roma ci finanziano solo i muri”, questa la risposta dell’assessorato alle sollecitazioni. Ma avrete idea di quanti presidi di prossimità ci servono e dei bisogni a cui dare risposta o decide Roma anche su questo!? Alla proposta di inserire nelle Case della Comunità i servizi sociali, come previsto dal PNRR (risoluzione di Futura bocciata durante la discussione in Consiglio sul PNRR), ci si sente rispondere che Roma non lo prevede più. Cosa non vera: nell’ultima bozza delle linee guida di Agenas l’integrazione socio-sanitaria è assolutamente centrale. Invece di fare di più e meglio, magari integrando nelle Case della Comunità pure l’assistenza psicologica – di cui c’è estremo bisogno – facciamo di meno, e togliamo pure i servizi sociali. Poche idee e ben confuse a discapito dell’Autonomia e soprattutto della salute dei Trentini.

Dulcis in fundo, senza avere esplicitato quante Case della Salute servano, dove si pensa di collocarle, come si pensa di organizzarle e con quali funzioni e professionalità, la Giunta e l’APSS iniziano a siglare Protocolli d’intesa con i sindaci – per ora di Predazzo e Cles – senza aver prima definito ed esplicitato un progetto complessivo alla comunità trentina. Nulla contro queste scelte, ma contro il modo con cui si portano avanti.

Prima pare che fai le Case della Comunità quasi perché ti vengono imposte. Non si capisce se per te sono un modello utile per la presa in carico territoriale o meno. Non sai quante vuoi farne. Non sai cosa metterci dentro. Dici che il sociale no, non ci sta, poi sui giornali ne parli come di un presidio socio-sanitario. Poi sigli accordi coi sindaci per realizzarle senza avere esplicitato un’idea complessiva di dove collocarle. Qua siamo alla schizofrenia della sanità trentina.

Con questa gestione miope e approssimativa rischiamo che l’opportunità data dal PNRR di riorganizzare la sanità per dare risposte di prossimità integrate (e per il socio sanitario questo è fondamentale e non più differibile) diventi l’ennesima occasione persa per garantire appropriatezza e sostenibilità al nostro sistema socio-sanitario.

Paolo Zanella
Consigliere provinciale del Trentino
Futura
Consigliere regionale del Trentino – Alto Adige/Sudtirol
Grüne Fraktion – Gruppo Verde – Grupa Vërda

Testo dell'interrogazione

ARTICOLI RECENTI

Il Progettone rimanga a tutela dei lavoratori più deboli

Il Progettone rimanga a tutela dei lavoratori più deboli

Venerdì si discuterà in Seconda commissione del Consiglio Provinciale il ddl della Giunta che riforma del Progettone. Per scongiurare il rischio che questa proposta di legge (che nasce in primis per adeguare l'affidamento degli interventi di inclusione lavorativa del...

leggi tutto
Movida in centro, Bolzano e Trento si incontrano

Movida in centro, Bolzano e Trento si incontrano

Il consigliere comunale Matthias Cologna ha recentemente incontrato - con esponenti del Team Future e Volt - la consigliera comunale di Trento Giulia Casonato, cui la Giunta ha affidato la “delega in materia di costruzione di una vivibilità urbana e di una socialità...

leggi tutto
Non c’è pace per il carcere di Trento: si è dimessa la responsabile della medicina carceraria

Non c’è pace per il carcere di Trento: si è dimessa la responsabile della medicina carceraria

Alla Casa circondariale di Spini di Gardolo, oltre a mancare Direttore/Direttrice dedicato/a (l'attuale è a scavalco su Bolzano), agenti di Polizia penitenziaria (manca oltre il 30% dell'organico rispetto al numero previsto all'apertura dell'istituto penitenziario -...

leggi tutto
Pompaggio di acqua per l’innevamento artificiale delle piste: davvero lo si ritiene ancora un modello sostenibile?

Pompaggio di acqua per l’innevamento artificiale delle piste: davvero lo si ritiene ancora un modello sostenibile?

Premesso che: la delibera di giunta n. 625 del 14 aprile 2022 ha stabilito di rilasciare al Sindaco del Comune di Predazzo, sulla base della deliberazione della Giunta esecutiva del Parco naturale Paneveggio Pale di San Martino n. 7 di data 25 gennaio 2022,...

leggi tutto

COMUNICATI

Archivio mensile

Teniamoci in contatto!

  1. Luoghi di Futura
  2.  » 
  3. Consiglio provinciale
  4.  » Case della Comunità: una Giunta schizofrenica senza visione