La sanità deve rimanere pubblica

Feb 18, 2022 | Comunicati, Consiglio provinciale, La voce di Futura, News, Paolo Zanella, Salute per tutti/e

Comunicato di Paolo Zanella: 

Da tempo denunciamo il rischio che la sanità trentina segua modelli di altre regioni del nord, privatizzando gran parte dei servizi sanitari. Il rischio che i finanziamenti straordinari dati alle strutture private per abbattere le liste d’attesa, allungatesi a causa della pandemia, diventino strutturali è dietro l’angolo. Questo significherebbe considerare la tutela della salute non più un diritto fondamentale per il singolo e per la collettività, come prevede l’articolo 32 della Costituzione, ma ritenerlo un privilegio per chi può permetterselo. Significherebbe alimentare un doppio canale – purtroppo già in atto con la libera professione – per cui chi ha i soldi riceve tutto in tempi ragionevoli e chi non ce li ha si mette in coda per molti mesi. Un altro modo per alimentare le disuguaglianze che con i cambiamenti in atto stanno già crescendo più che in passato.

Quello che sosteniamo da tempo, inoltre, è che il disinvestimento nel personale porterà a una privatizzazione indiretta della sanità. Chi glielo fa fare ai professionisti sanitari di restare in corsia dove sono numericamente pochi, continuano a fare straordinari, non fanno ferie e di conseguenza il clima lavorativo è pessimo. Il senso etico a sostegno di un sistema sanitario pubblico e universalistico ha un limite anche nei professionisti con più alta tensione di ruolo, che a un certo punto cercheranno, per sopravvivere, condizioni lavorative migliori in altri contesti, all’estero o in strutture private. Esattamente ciò che mette in luce l’indagine del sindacato dei medici. Ecco che allora, quando la sanità pubblica sarà ulteriormente svuotata di professionisti, le persone necessariamente non potranno far altro che rivolgersi al privato.

Per interrompere questo circolo vizioso è URGENTE investire risorse per il rinnovo dei contratti, per il benessere organizzativo, per creare possibilità di crescita professionale, per il sostegno di amministrativi che sgravino da mansioni improprie, per la formazione di più professionisti. Certo, significa immettere soldi per la salute dei/delle cittadini/e, ma non ci sono alternative. Invece di spenderli per concerti faraonici, o strutture in partenariato pubblico privato, indebitandoci per gli anni a venire, sarebbe meglio investire per la sanità pubblica.

La sanità deve rimanere pubblica e universalistica, a tutela della salute che è il bene più prezioso che abbiamo.

Paolo Zanella
Consigliere provinciale del Trentino
Futura
Consigliere regionale del Trentino – Alto Adige/Sudtirol
Grüne Fraktion – Gruppo Verde – Grupa Vërda

Testo dell'interrogazione

ARTICOLI RECENTI

Il Progettone rimanga a tutela dei lavoratori più deboli

Il Progettone rimanga a tutela dei lavoratori più deboli

Venerdì si discuterà in Seconda commissione del Consiglio Provinciale il ddl della Giunta che riforma del Progettone. Per scongiurare il rischio che questa proposta di legge (che nasce in primis per adeguare l'affidamento degli interventi di inclusione lavorativa del...

leggi tutto
Movida in centro, Bolzano e Trento si incontrano

Movida in centro, Bolzano e Trento si incontrano

Il consigliere comunale Matthias Cologna ha recentemente incontrato - con esponenti del Team Future e Volt - la consigliera comunale di Trento Giulia Casonato, cui la Giunta ha affidato la “delega in materia di costruzione di una vivibilità urbana e di una socialità...

leggi tutto
Non c’è pace per il carcere di Trento: si è dimessa la responsabile della medicina carceraria

Non c’è pace per il carcere di Trento: si è dimessa la responsabile della medicina carceraria

Alla Casa circondariale di Spini di Gardolo, oltre a mancare Direttore/Direttrice dedicato/a (l'attuale è a scavalco su Bolzano), agenti di Polizia penitenziaria (manca oltre il 30% dell'organico rispetto al numero previsto all'apertura dell'istituto penitenziario -...

leggi tutto
Pompaggio di acqua per l’innevamento artificiale delle piste: davvero lo si ritiene ancora un modello sostenibile?

Pompaggio di acqua per l’innevamento artificiale delle piste: davvero lo si ritiene ancora un modello sostenibile?

Premesso che: la delibera di giunta n. 625 del 14 aprile 2022 ha stabilito di rilasciare al Sindaco del Comune di Predazzo, sulla base della deliberazione della Giunta esecutiva del Parco naturale Paneveggio Pale di San Martino n. 7 di data 25 gennaio 2022,...

leggi tutto

COMUNICATI

Archivio mensile

Teniamoci in contatto!

  1. Comunicati
  2.  » La sanità deve rimanere pubblica